Donato Santimone

Imprenditore ebolitano, direttore dello storico hotel Grazia di Eboli, presidente della Confesercenti di Eboli e membro della giunta nazionale di Assohotel. Oggi Donato Santimone è il candidato a Sindaco di Eboli con la coalizione di centro-sinistra “Eboli 2030” per le elezioni amministrative 2020.

59 anni, coniugato con Maria Carmela Rosania, noto e stimato medico di base; due figli, Pieroalfonso e Rosalucia, entrambi studenti universitari. Donato Santimone ha sempre lavorato per aziende private del settore turistico e commerciale tra cui: la multinazionale francese Nouvelles Frontieres, per la quale ha operato tra Grecia, Tunisia, Malta, Francia, Marocco, e Algeria; l’Italiana Jolly Hotels, negli alberghi di Salerno, Ischia, Ravenna, Genova, Milano, Bari e Roma; il gruppo Fiat, Lancia, Alfa Romeo, per cui ha svolto il ruolo di account manager.

Ha avuto la sua prima tessera di partito a 17 anni con il PDUP guidato dal professor Enrico Melchionda.

È stato assessore alle attività produttive e politiche culturali del comune di Eboli dal 1996 al 2000 con l’amministrazione del sindaco Gerardo Rosania.

Dal 2000 al 2005 è stato vice presidente del patto territoriale Sele-Picentini, consegnando le dimissioni nelle mani del nuovo sindaco Martino Melchionda al cambio dell’amministrazione.

Dal 2007 al 2010 ha ricoperto la carica di segretario provinciale del partito di Comunisti Italiani.

Dal 2013 al 2015 è stato presidente della Confesercenti di Eboli.

Nel 2015 è tra i fondatori del “Berlinguer Lab” di Eboli.

Dal 2018 è stato rieletto presidente della Confesercenti di Eboli e membro della giunta nazionale di Assohotel.

Menu